In prima assoluta, Tre liriche di Cosimo Colazzo (su testi poetici di Fausto Melotti), per voce, viola e pianoforte

21 agosto 2012 21:00a22 agosto 2012 02:00

Una nuova composizione di Cosimo Colazzo, “Tre liriche”, su testi poetici di Fausto Melotti, in prima esecuzione assoluta, per la rassegna che il “Nuovo ensemble” dedica ai nuovi repertori e a programmi poco esplorati, in svolgimento nell’estate in luoghi storici e d’arte. Il programma che comprende l’opera di Colazzo presenta anche musiche di Schumann e Goltermann. A Castel Stenico a Stenico (TN) e al Castello del Buonconsiglio di Trento, rispettivamente martedì 21 agosto e mercoledì 22 agosto, alle ore 21.00.

Nell’ambito della rassegna “Le belle addormentate”, ideata e organizzata dal “Nuovo ensemble” di Trento, con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, itinerante per luoghi storici del Trentino, che vengono animati di musiche nuove e poco esplorate, rientra un appuntamento atteso, con un’opera nuova di Cosimo Colazzo, “Tre liriche” per voce, viola e pianoforte.

La nuova composizione di Colazzo viene presentata in prima esecuzione assoluta all’interno di un programma, che comprende anche musiche di Schumann e Goltermann, per l’interpretazione di Cristina Nadal (soprano), Lorenzo Bertoldi (viola), Roberto Turrin (pianoforte).

Sono due gli appuntamenti che vedono impegnato il trio con questo programma: martedì 21 agosto alle ore 21.00 a Castel Stenico a Stenico (TN), e il giorno successivo, mercoledì 22 agosto 2012, sempre alle ore 21.00, al Castello del Buonconsiglio a Trento.

Costituisce interesse il testo poetico messo in musica da Colazzo, che è dello scultore roveretano Fausto Melotti, ripreso dalla raccolta “Il triste minotauro”.  Melotti, artista poliedrico, fu anche fine poeta, sensibile e raffinato nell’uso di una parola essenziale, ma sempre vibratile. Sono caratteri che si ritrovano anche nella musica composta da Colazzo. Le immagini di una natura aperta, che si rivela in suoni sospesi, in tracce di luce, si lega a una musica che ha il senso della risonanza, dell’affondo sonoro, della linea che avvolge e si libera in lontananza.

Scrive Colazzo, intorno al suo pezzo: “…un suono che vuole essere gustato per se stesso […] spazi di silenzio che devono galleggiare, risuonare. In questo si anima un rapporto di contatto diretto con la poesia, con Melotti e la sua maniera di sentire l’arte. Quel suo dialogo intenso, poetico, appunto, con il silenzio, con le vibrazioni minime delle cose, quel suo entrare nelle pieghe del tempo. La musica vuole legarsi all’atmosfera evocativa e sospesa che traspare dai versi, con un lirismo che prende movenze raccolte, intime, ma anche sorvegliate nelle curve intraprese, affinché esso si dia in rapporti sempre piuttosto essenziali, misurati. Il pianoforte effonde sonorità rarefatte, sospese; oppure accompagna con figure ricche di valori timbrici, preziose nel dettaglio sonoro trovato. La voce segue il verso, il suo ritmo, la sua struttura, il suo impaginato. La viola trama il tessuto con interventi che propongono un confronto con il pianoforte, o un rispecchiamento, un contrappunto dolce e minimo, con la voce”.

—–

Programma di sala, accompagnato dal dettaglio delle informazioni sull’opera in prima assoluta, i testi di Melotti musicati

Comunicato stampa

Sono stati registrati enbrambi i concerti, il primo a Castel Stenico, tenutosi martedì 21 agosto 2012, e il secondo al Castello del Buonconsiglio a Trento, che si è tenuto merocledì 22 agosto 2012.. Di seguito le due registrazioni, in file formato MP,  delle Tre liriche di Colazzo (registrazione con ZOOM H4).

Concerto Castel Stenico, Stenico (TN), martedì 21 agosto 2012 ore 21.00. Cristina Nadal (soprano), Lorenzo Bertoldi (viola), Roberto Turrin (pianoforte).

Cosimo Colazzo, Tre liriche (1998-2012) per voce viola e pianoforte (su testi poetici di Fausto Melotti):

1. Le colombe dal viso di fanciulla (Ascolta – MP3)

2. Anche gli alberi hanno paura (Ascolta – MP3)

3. Col tramonto in silenzio (Ascolta – MP3)

Concerto Castello del Buonconsiglio, Loggia del Romanino, Trento, mercoledì 22 agosto 2012 ore 21.00. Cristina Nadal (soprano), Lorenzo Bertoldi (viola), Roberto Turrin (pianoforte).

Cosimo Colazzo, Tre liriche (1998-2012) per voce viola e pianoforte (su testi poetici di Fausto Melotti):

1. Le colombe dal viso di fanciulla [Ascolta MP3]

2. Anche gli alberi hanno paura [Ascolta MP3]

3. Col tramonto in silenzio [Ascolta MP3]

—–

Info Concerti

Nell’ambito della Raseggna “Le belle addormentate”, organizzata da “Nuovo Ensemble” con il sostegno di Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto”

Castel Stenico, Stenico (TN), martedì 21 agosto 2012, ore 21.00

Castello del Buonconsiglio Trento, mercoledì 22 agosto 2012, ore 21.00

Trio Cristina Nadal (soprano), Lorenzo Bertoldi (viola), Roberto Turrin (pianoforte),

Musiche di Schumann, Goldermann, Colazzo

Prima esecuzione assoluta di Cosimo Colazzo, Tre liriche per voce, viola e pianoforte (su un testo poetico di Fausto Melotti)

Ingresso libero

 

Concerto in duo, violino e pianoforte, alla Concert Hall del Middlebury College, con una prima esecuzione

11 agosto 2012
21:00a22:00

Nel corso di un soggiorno negli Stati Uniti, dove sta tenendo concerti e lezioni in varie Università, Cosimo Colazzo è al Middlebury College, dove, dopo un concerto per pianoforte solo, anche con musiche proprie, tiene ora un concerto in duo, con il violinista Franco Sciannameo, noto musicista e musicologo, docente alla Carnegie Mellon University di Pittsburgh. In programma anche una composizione, in prima americana, di Cosimo Colazzo, per violino e pianoforte, dal titolo “La lenta discesa”.

Cosimo Colazzo è impegnato in questo periodo, da un mese ormai, negli Stati Uniti, per tenere una serie di lezioni e di concerti. Attualmente insegna al Middlebury College, nel Vermont, dove tiene un corso insieme con Franco Sciannameo, sulle culture musicali del Mediterraneo. Sempre al Middlebury College, Cosimo Colazzo, che è docente di Composizione al Conservatorio di musica Bonporti (di cui è stato direttore dal 2005 al 2011), ha già tenuto un importante concerto pianistico, mercoledì 1 agosto, con musiche proprie e di Federico Mompou. Anche in questo caso un orizzonte su una sensibilità estetica che può dirsi, nel senso del tempo, del suono, e per una propensione molto contemplativa, risalente a una visione mediterranea sulle cose. Così in “Musica callada” del catalano Mompou, che agisce nelle pieghe tra suono e silenzio; e nell’opera di Colazzo “Disteso a Oriente”, dove il tessuto musicale è curvo, flessibile, aperto, molto acqueo. Il concerto ha raccolto un vero successo, per la suggestione del programma, per la rarità di un’esecuzione integrale di “Musica callada”, con il suo impegno rispetto a particolari qualità sonore, e al tema particolare e difficile del suono che tenta le soglie del poco, del sottratto, quasi metafora costante del silenzio e di un oltre che assume caratteri mistici.

Nel secondo concerto, che tiene sempre al Middlebury College, nella splendida cornice della Concert Hall, in programma sabato 11 agosto alle ore 21.00, Colazzo suona in duo con Franco Sciannameo. Quest’ultimo è musicista e musicologo di valore internazionale, docente alla prestigiosa Carnegie Mellon University di Pittsburgh. Come violinista ha suonato in orchestre di prestigio internazionale, come l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, e in formazioni da camera, quartetti e ensemble (Solisti di Roma; Quartetto di Nuova Musica), con cui ha inciso vari dischi, spesso rivolti ai repertori contemporanei.

Attualmente suona in duo con Cosimo Colazzo, concentrandosi sui repertori, soprattutto, del ‘900. Nel concerto al Middlebury College il duo esegue musiche di Bach-Schumann, dello stesso Colazzo, di Nino Rota e di Joaquin Turina. Di Bach viene eseguita la “Sonata IV”, in una versione per violino e pianoforte, per cui Robert Schumann ha scritto la realizzazione pianistica. Una versione molto particolare, poco frequentata, in cui ritroviamo un intervento, da parte di Schumann, sempre molto discreto e rispettoso dell’originale bachiano.

Di Cosimo Colazzo, in prima statunitense, verrà eseguito “La lenta discesa II” per violino e pianoforte. Un brano, come spesso nella musica di Colazzo, che è spaziato, respira secondo archi trasognati, in atmosfere sospese, come verso lontani punti di fuga.  Il pezzo apre spazi e territori al silenzio. E’ come se volesse aprire il tempo a una dimensione più ampia, a un respiro lento, che si compie nei territori prossimi, del vuoto, del silenzio.

Di Nino Rota, Colazzo e Sciannameo eseguono la Sonata per violino e pianoforte, del 1936. Un brano in cui Rota esprime i caratteri della sua musica: un controllo calligrafico dell’espressività e della forma, e certe emergenze cantabili, che si danno nella forma dell’incanto, del sogno lontano, forse anche remoto, infantile.

Di Joaquin Turina, il duo esegue “El poema de una Sanluqueña”, un’opera dove il colore mediterraneo, della Spagna, anzi della luce andalusa, è espresso da Turina con toni raffinati, con un timbrismo fatto di trasparenze, o di densità sospese e porose. Un brano ispirato e ricco di impressioni timbriche, che impegnano equilibri ricercati tra i due strumenti.

——

Comunicato stampa

Programma del Concerto

——

Info Concerto:

Sabato 11 agosto, ore 21.00, Concert Hall Middlebury College, Middlebury, Stati Uniti, Vermont

Franco Sciannameo – violino

Cosimo Colazzo – pianoforte

Musiche di Bach-Schumann, Colazzo, Rota, Turina.

 

www.cosimocolazzo.it

www.middlebury.edu

info@cosimocolazzo.it

ccolazzo@middlebury.edu