Archivi categoria: Eventi

Eventi in Event Calendar

Esecuzione in Messico di Arco per 11 archi solisti

17 giugno 2012
17:30a19:30

Nell’ambito del XXXIV Foro internacional de Nueva Musica, importante festival che si tiene a Città del Messico, con numerosi appuntamenti che coprono l’intero mese di giugno, domenica 17 giugno, alle ore 17, al Palazzo delle Belle Arti, viene eseguita, in prima per il Messico, l’opera Arco (2000) per 11 archi solisti, di Cosimo Colazzo. Interprete ne è l’Orchestra da Camera “Idée fixe”, che raccoglie i migliori interpreti di compagini orchestrali ufficiali messicane.

Scrive l’autore sul pezzo: “Un attacco energico e ritmico, con tutti gli strumenti attivi, nel forte. Per alcune sezioni. S’inserisce una linea acuta, di figure lunghe e tenute, nell’intreccio fitto. Da lì un dilagare lento, di un discorso più aereo, che si propone alle varie parti, e sopraffà le articolazioni strette della meccanica ritmica. Porta l’ascolto presso di sé, lo avvolge con gesti sottratti, per lenti sviluppi, sin verso l’incanto del meno, del nulla, del vuoto”.

Qui il sito del festival

Qui il programma del festival. Alla pag. 88/152, l’appuntamento con l’opera di Colazzo.

Comunicato stampa

In questi giorni il Congresso a Nancy, sugli intrecci di relazione tra mondo ispano-lusitano ed Europa. Colazzo vi partecipa con una relazione sulle musiche del ‘900 e sull’opera di Lopes-Graça

31 maggio 2012a1 giugno 2012

Cosimo Colazzo,  nell’ambito di una ricerca importante – su cui si propone un’attenzione anche di livello internazionale – che sta conducendo sulle musiche del ‘900 di area ispanica e lusitana, e in particolare sull’importante opera del compositore portoghese Fernando Lopes-Graça (1906-1994), è stato chiamato dall’Università di Lorraine di Nancy, in Francia, per tenere una relazione nell’ambito di un congresso internazionale che l’Università organizza, sotto il titolo Emprunts et transferts culturels : du monde luso-hispanophone vers l’Europe. Il congresso si tiene nei giorni 31 maggio e 1 giugno, al Campus di Lettres et Sciences Humaines dell’Università di Nancy. Cosimo Colazzo tiene il suo intervento l’1 giugno, a conclusione del Convegno. Si tratta di un congresso molto importante dal punto di vista scientifico, che raccoglie contributi di studiosi e ricercatori provenienti da varie parti del mondo, dalle più prestigiose università francesi (Sorbona e altre), spagnole, del Sudamerica (Brasile, Messico, Colombia, ecc.), nonché dall’Africa.

Cosimo Colazzo è l’unico studioso italiano presente, e affronta una tematica che riguarda le arti e la musica nel ‘900, nella vasta, articolata, quanto ricca, area ispano-lusitana. Cosimo Colazzo – docente di Composizione al Conservatorio di musica “Bonporti” di Trento, di cui è stato direttore dal 2005 al 2011 –  svolge una relazione (dal titolo Modernisme, avant-garde et traditions populaires. Recherches artistiques et musicales en Espagne et au Portugal : la synthèse militante de Fernando Lopes-Graça), dove tesse una mappa articolata di figure e posizioni che riguardano le ricerche musicali e artistiche che nel ‘900 hanno animato Spagna e Portogallo, ivi comprese le risonanze che risultano attive nel rapporto con le colonie o le ex colonie. Esiste una rete di influenze e transiti tra le varie aree, ma si danno anche storie locali e peculiari, e rapporti che interessano più in generale l’Europa. Spagna e Portogallo sono storicamente su una faglia critica, alle soglie tra l’Europa e l’altro mondo: l’Islam prima, ma poi anche il Nuovo Mondo, o ancora altri mondi lontani, l’Oriente o l’Africa. Sono la porta dell’Europa e il margine di questa. Periferia ma anche luogo essenziale di comunicazione, di estensione e apertura. E’ questo che le rende un universo particolare, ricco di spunti per l’esplorazione.

In Portogallo, nel ‘900, risulta importante la ricerca di Fernando Lopes-Graça, autore di un complesso consistente di opere, nel suo lungo percorso creativo, e insieme di un itinerario coerente, segnato nel senso dell’approfondimento critico, come anche della sfida creativa. E’ in rapporto con le ricerche che animano e accendono l’Europa, verso la liberazione dei linguaggi, verso la dissonanza, l’apertura dei generi. Insieme è spinto verso l’attenzione al patrimonio folclorico, sede di un potenziale rinnovamento delle culture. Soprattutto il patrimonio delle terre contadine, ancora intatto, da portare a emersione, con il suo carico di diversità, di sfida al pensiero corrente. Tesoro creativo e anche di valori culturali e morali. L’atteggiamento di Lopes-Graça sa intrecciare le due dimensioni, delle risorse del linguaggio e del monito etico-politico. Ne risulta un’opera che è stata esemplare per valori artistici e per esempio di impegno culturale. Non a caso la dittatura fascista gli aveva inibito l’insegnamento e gli incarichi pubblici; lo aveva tenuto in carcere. Lo guardava con grande sospetto. Lopes-Graça non ha mai abbandonato il Portogallo. Ha coltivato la sua missione di ricerca artistica e culturale, dedicandosi integralmente alla composizione. La Rivoluzione dei Garofani nel 1974 lo avrebbe poi esaltato come uno dei padri storici del nuovo Portogallo.

Qui il Comunicato Stampa.

Per informazioni:

Université de Lorraine Nancy

http://www.univ-lorraine.fr/

Ulteriori informazioni

La pagina relativa al convegno:

http://www.univ-lorraine.fr/content/emprunts-et-transferts-culturels-du-monde-luso-hispanophone-vers-l%E2%80%99europe

Cliccando qui: il programma in PDF del Congresso.

Conferenza con esemplificazioni musicali su Fernando Lopes-Graça e Federico Mompou

8 giugno 2012
20:15a22:30

Cosimo Colazzo tiene una conferenza per la Fondazione Nuova Comunità, alla sede di Bosco di Civezzano, in provincia di Trento (Loc. Canova, 75 – Fraz. Bosco di Civezzano), venerdì 8 giugno alle ore 20.15. La conferenza, che presenterà anche esemplificazioni musicali dal vivo, mette a confronto l’opera e i linguaggi di due autori del ‘900 di area ispanico-lusitana: Fernando Lopes-Graça (1906-1994) e Federico Mompou (1893-1987). Significativamente reca il titolo: “Musica, tra impegno e contemplazione. I casi di Fernando Lopes-Graça e Federico Mompou”.

Siamo di frunte a due figure di artisti estremamente concentrate, massimamente dedicate rispetto al loro lavoro di compositori. Hanno vissuto nei contesti delle dittature, di Salazar e dell’Estado Novo l’uno, di Franco l’altro. Esprimono, tuttavia, due risposte diverse. L’uno, Lopes-Graça, nel senso dell’impegno palese e militante, che passa anche attraverso la ripresa del patrimonio folclorico del popolo contadino, reso in forme autentiche e non edulcorate, per innesti in linguaggi fortemente innovativi, comunque a dire il senso della terra, del lavoro, della dissonanza e del margine. L’altro, Mompou, a esprimere, invece, il senso della chiusura e della riflessione introspettiva, della meditazione sonora: solo vaghe e trasognate visitazioni di folclore metropolitano, per il resto le pieghe delle risonanze interiori, la contemplazione della punta dell’anima. Due modi di agire nella musica. Due modi di reagire all’oppressione e alla compressione della libertà. Attraverso la musica e l’arte. Lopes-Graça con una volontà di gettarsi nel mondo e conoscerlo nella molteplicità sociale, nella molteplicità dei suoni diversi e anche violentemente dissonanti. Mompou come sempre in un intermezzo e in un’attesa, in una condizione di solitudine e silenzio. Così anche la sua musica.

Qui il programma dell’iniziativa.

Cosimo Colazzo alla Université de Lorraine a Nancy

31 maggio 2012a1 giugno 2012

Cosimo Colazzo è stato chiamato a tenere una relazione, nell’ambito del 5º Colloque International du domaine «Culture et histoiren dans le monde luso-hispanophone», dal titolo «Emprunts et transferts culturels : du monde luso-hispanophone vers l’Europe», organizzato dalla Université de Lorraine di Nancy, in Francia, in programma nei giorni 31 maggio e 1 giugno. La relazione verterà sul tema della musica del ‘900, di area ispanica e lusitana, con un particolare riferimento alle correlazioni che si tessono tra nuovi linguaggi e patrimoni folclorici, nella figura militante del portoghese Fernando Lopes-Graça. Titolo della relazione: «Modernisme, avant-garde et traditions populaires. Recherches artistiques et musicales en Espagne et au Portugal : la synthèse militante de Fernando Lopes-Graça».

Qui il Programma del Convegno.