Opere nuovissime, esplorazioni sonore, degli strumenti, della voce, dell’elettronica, al Castello del Buonconsiglio, per il terzo appuntamento del festival “Contrasti”. Opere di Masu, Colazzo, Longo, Mattevi, Massetti, e le improvvisazioni del Motocontrario ensemble

2 maggio 2014
20:00a22:00

image-RosaIl festival “Contrasti”, organizzato da Motocontrario Ensemble e da Castello del Buonconsiglio, prosegue con un terzo appuntamento, dedicato al rapporto di musica e poesia, di suono e parola. Con opere nuovissime, composte tra il 2013 e il 2014. Un affascinante terreno dell’esplorazione artistica e creativa, che può avvalersi anche dell’elettronica dal vivo. Al Castello del Buonconsiglio, con il Motocontrario ensemble, venerdì 2 maggio a partire dalle ore 20:00. Una conversazione con Marco Longo, e quindi il concerto dell’ensemble, con musiche di Raul Masu, Cosimo Colazzo, Marco Longo, Andrea Mattevi, Valentina Massetti, e le improvvisazioni del Motocontrario ensemble.

 

Dal suono della musica al suono della poesia. C’è un vasto spazio, di incroci, migrazioni reciproche, che gli artisti, i musicisti, i compositori hanno sviluppato molto. E’ affascinante entrare dentro questo spazio e venire incontro a certi risultati creativi che l’esplorazione artistica realizza. E’ quanto propone il festival “Contrasti”, organizzato da Motocontrario Ensemble e da Castello del Buonconsiglio, nel suo terzo appuntamento, che si tiene venerdì 2 maggio al Castello del Buonconsiglio a Trento, a partire dalle ore 20:00.

Il concerto si avvia alle ore 20:45, ed è preceduto da un incontro con Marco Longo, alle ore 20:00, che tratta della sperimentazione sonora, per come si realizza oggi, e in percorsi di esperienza che sono stati attivi nel ‘900, per cui si individuano nuove formazioni percettive per l’ascolto.

Il concerto, dal titolo  “Territori del suono e della parola. Esplorazioni”, propone molte musiche di recente composizione, scritte tra il 2013 e il 2014, accomunate dal terreno di indagine creativa, rappresentato dai rapporti tra musica e poesia, suono musicale e suono poetico.

Raul Masu, con la sua composizione “Momenti d’inciampo” (che tratta un testo di Paolo Ferrari),  sviluppa creativamente le possibilità dell’elettronica, in interazione con il suono strumentale, intervenendo nel vivo della concreta produzione sonora, che viene trasformata e ricomposta nei suoi percorsi, e quindi disegnando lo spazio dell’ascolto secondo vie molto mobili e aperte. Cosimo Colazzo, con “Sospeso nell’aria”, su un testo poetico di Ernesto Livorni, realizza una partitura aperta, dove si sospendono luoghi-parola, che echeggiano per se stessi, insieme con le risonanze sonore di un pianoforte, ugualmente vagante dentro spazi molto silenti. Marco Longo, con “Volumi in controluce”, su testo di Peter Carraveta, aggredisce il materiale verbale e quello sonoro, strappandone realtà inedite, che trovano nuove vie di scambio e di incontro. Andrea Mattevi, con il suo “Come voleva Nietzsche, camminando “ (testo poetico di Pascal Gabellone), propone un vero e proprio percorso dentro lo spazio d’ascolto, attraverso varie tappe sonore e di riflessione poetica, con una partitura che libera il disegno musicale con fantasia avvolgente. Valentina Massetti è recisa nella sua scelta, con “Dinamiche del disaccordo”, su una poesia di Giovanni Duminuco, di un paesaggio sonoro vuoto, attraversato da poche linee, che calibrano le loro durate, i loro incroci, con un gusto originale delle geometrie sonore come anche del colore. Il Motocontrario Ensemble, con il concerto, propone inoltre due improvvisazioni strumentali con elettronica, su testi poetici di Gabriele Gabbia e di Antonio Prete, in questo modo attivando un’ulteriore esperienza, che è quella della produzione in vivo del risultato artistico, dentro lo spazio contingente dell’esperienza che va svolgendosi. E’ un altro aspetto che riguarderà il festival, perché altre occasioni vi saranno, di sviluppo dell’improvvisazione creativa, anche nell’interazione con il pubblico, in altri successivi appuntamenti della rassegna.

Motocontrario ensemble interviene, in questo concerto, nella formazione: voci recitanti Valentina Massetti e Andrea Mattevi, pianoforti Cosimo Colazzo e Maria Rosa Corbolini, Sassofoni Emanuele Dalmaso, tromba Riccardo Terrin, viola Andrea Mattevi, live electronics Raul Masu.

Programma di sala degli eventi del terzo appuntamento del festival “Contrasti”, 2 maggio 2014.

————————

Info: press@buonconsiglio.it; motocontrarioensemble@gmail.com. Notizie anche su facebook: https://www.facebook.com/motocontrarioensemble